"Moreover, you scorned our people, and compared the Albanese to sheep, and according to your custom think of us with insults. Nor have you shown yourself to have any knowledge of my race. Our elders were Epirotes, where this Pirro came from, whose force could scarcely support the Romans. This Pirro, who Taranto and many other places of Italy held back with armies. I do not have to speak for the Epiroti. They are very much stronger men than your Tarantini, a species of wet men who are born only to fish. If you want to say that Albania is part of Macedonia I would concede that a lot more of our ancestors were nobles who went as far as India under Alexander the Great and defeated all those peoples with incredible difficulty. From those men come these who you called sheep. But the nature of things is not changed. Why do your men run away in the faces of sheep?"
Letter from Skanderbeg to the Prince of Taranto ▬ Skanderbeg, October 31 1460

Inno al sole "illirico?" dei sardi in "arvareshu"..

Qui potete scrivere nella lingua italiana

Moderators: Adriana, Arban Blandi

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Inno al sole "illirico?" dei sardi in "arvareshu"..

#1

Post by Arban Blandi » Sun Nov 07, 2010 1:36 pm

[col]Queste sono le parole che possono essere musicate con l'inno nazionale albanese. Si tratta dell'inno al sole illirico dei sardi e degli albanesi scritto in "arvareshu" (barabricino antico) o protosardo illirico.|[/col]
http://www.provincia.sassari.it/resources/cms/images/donne_costume_d0.jpg


[col]Ndeko eshte skruiu shu
Himnu Arvareshu (sha mushika eshte vetzi anka kushtu addej e shu himnu kumbularu shkopidhanu):


Sha Phanela Kokina Dilli Barda.

Shu Dillu kjie sher nd i kelu
A ndramà sha phanela ta
Ai eshte vinni i mereu tu
Shiadh abreria a i mannja ta

Hemmo nd i pelau hemmo nd i troka

Shu Dillu kjie sher nd i kelu
A ndramà sha phanela ta

A nà tui thommir gjitianu ank’i shperonju janu

Shu Dillu kjie sher nd i kelu
A ndramà sha phanela ta

Bovore



---------
La lingua sarda che cerca Areddu si chiama "arvareshu" e prende il nome da "Arvarè" oggi Barbagia ed è stata parlata correntemente fino all'alto medioevo. E' una lingua oggi frammista alla struttura latina ma non per questo meno organizzata la sua origine è chiaramente neoillirica. Se si togliessero le parole latine dal sardo quelle che rimangono sono per l'80% illiriche e oggi le ritroviamo ancora nel tosco e nel ghego. Il progenitore del sardo è in comune con l'albanese. Il sardo si latinizzò con la chiesa latina dopo la dipartita traumatica della chiesa greca "Cresia Arrega Sarda" e del suo clero nel 1054 (Scisma d'Oriente). La chiesa greca tutelò s'"arvareshu" come oggi succede in Sud Italia con le diocesi greche di Lungro in Calabria e di Piana degli Albanesi in Sicilia. Comunque s'arvareshu è una realtà viva del Centro Sardegna è viene citato per frasi o parole frammisto a parole latine. E' strutturato sia morfologicamente che semanticamente anche se fino ad ora non vi sono pubblicazioni ma non tarderanno. Gli ultimi che lo parlavano di più s' "arvareshu" erano soprattutto dei fabbri in Barbagia questo testimonia la grandezza della tradizione della metallurgia nuragica. Da sardo posso dire che è proprio vero gli albanesi hanno un fratello separato nel mezzo del Mediterraneo ed è il popolo sardo. La separazione risale a 2500 anno e cioè alla battaglia navale di Aleria (564) quando i neogreci dorici sconfissero la flotta tirrena costituita dagli etruschi e dai sardi frantumando i retaggio confederale dei popoli del mare e diventando i dorici i padroni del mediterraneo. I dorici nel V secolo a.C. avevano già espulso da buona parte della Grecia gli illirici spingendogli nell'Epiro. La cultura micenea a Creta e nel Peloponneso era probabilmente legata anche agli Illiri. Era forse quello dei popoli del mare il primo abbozzo di stato del mondo occidentale con una lingua comune della quale resta il sardo e l'albansese. Ma questo dovranno scriverlo gli storici.|[/col]
Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#2

Post by Arban Blandi » Tue Nov 16, 2010 5:20 pm

[quote2="Komente prej nje sardenjasi"][col]Pochi sanno che una delegazione sarda si recò a Babilonia nel IV secolo a.C. per conferire con Alessandro Magno per perorare la causa dell'indipendenza dell'isola minacciata dalle potenze straniere: punici, greci e romani. La cosa ancora più curiosa è che non avevano bisogno di interpreti perchè Alessandro Magno era di madre illirica e parlava bene la lingua materna che era simile a quella dei sardi anche loro illirici.
---------

Se oggi la religione cristiana è dominante nel mondo occidentale lo deve all'Editto di Milano dell'Imperatore Costantino il Grande. Fu la madre Sant'Elena a convincerlo a dare alla religione cristiana il ruolo che ha oggi. In Sardegna a due chilometri a Sud del paese di Dorgali (Provincia Nuoro) c'è una collina vulcanica a forma perfetta di cono coltivata a viti e olivi sulla sommità della quale c'è il monastero e la chiesa rovinosi di Sant'Elena. Apparteneva alla Chiesa Greca esistita fino al 1054 in Sardegna poi espulsa dall'isola con il suo clero dalla Chiesa Latina. In sardo si chiama Shant'Helene de Shkopidhana. Shkopidhana in "arvareshu" o protosardo vuol dire albanese. Infatti sant'Elena era illirica e in Sardegna onoravano la Santa illirica per eccellenza la madre della chiesa.|[/col][/quote2]
Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

erix77
Star Member
Star Member
Posts: 543
Joined: Sat Aug 14, 2010 8:23 am
Gender: Male
Location: Tirana

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#3

Post by erix77 » Tue Nov 16, 2010 9:10 pm

Shkopidhana in "arvareshu" o protosardo vuol dire albanese
ka qene nje linguist kroat Petar Skok qe thosthe se emri shqiptar prejardhjen e ka nga qyteti i Shkupit,por shkup ka shume mundesi te jete shkype,shqipe pra shkopidhana ndoshta eshte dheu i shqipeve ose toka e shqiptareve.
Dhe e bëmë me besa besën ja të rrojmë ja të vdesëm!

Ishte thënë prej Zotit që të nderohen armët e Shqipërisë!

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#4

Post by Arban Blandi » Sun Nov 21, 2010 12:37 am

[col]#Arvaresh..#

Di seguito è riportato il Padre Nostro in idioma "arvareshu".

“Babbu Nostru” nd i antiku shardanu arvareshu (barbaricino):

Babai Janu

Shu Babai Mannu Janu kjies sher nd i kelu
Ai shiadh shantau a shu lumen tu
Ai shiadh anka vinnì i mereu tu
Ai shiadh abreria e urdha ta
Hemmo nd i kelu hemmo nd i troka
A nà tui thommir gjitianu a sha beka jana
A nà tui ndergje a shà detorà janà
Si nà ndergjimà a shà detorià janà
Tui a nà mohmos tommir a shà makadhà
Ama tui lirar a nà nk’ikekina
Amen Zes’i Zus(u).*

* Si pronunciano le vocali paragogiche, il dittongo finale di parola nj si pronuncia nzu, la j può essere letta z come a Lodine, si fanno le liaisons come nel sardo moderno.

(Padre nostro in sardo che non è esattamente la traduzione del precedente: Babu Nostru, Babu nostru chi istas in sos chelos, Santificadu siat su numen tuo, Benzat a nois su rennu tuo, Fata siat sa voluntade tua, Coment in su chelu gai in sa terra, Su pane nostru de onzi die dae nos oe, E perdona nos sos pecado nostros, E non nos dasses ruer in sa tentazione, Ma liberanos dae male. Amen).

A titolo esemplificativo si riporta uno scritto in italiano, in arvareshu (anche modernizzato con l'articolo shu al posto del più antico i)

Esempio di indicazione (per la visita a una grotta):

Komuna e Ujli me Thurkali
(Cartagine Sulcos: Thurkali)

Kujdahemmo

Ie krompeta po shu shpeli e Vule Pelainu vetadh mesha shara itinty ne shtega kjie mbashtidh ank’i prazha e “Ilune”. Po prazhì bajzì e veshtì a shà katholà thankaà meme jno veshtizi a shà thangalà kaperiaà. I kuerru Tommeu Mashu jamadhemmo addej po jà gjità. Ai ji preshetadh apreshu e shpelaja kue kadh i hyjnia sha krea. Jno shkoilazi po prazhì ank’i shpeli petziunà ka kadh rrezilu. Tammas eshte sherinu jaishent kishtidhà shà krompetà.
Falamindra !

Modernizzato:

Komuna e Ujli me Thurkali
(Cartagine Sulcos: Thurkali)
Kujdahemmo
Sha krompeta po sh’ishpeli e shu ‘Ule Pelainu vetadh mesha shara itinty ne ishtega kjie imbashtidh ank’i prazha e “Ilune”. Po prazhì bajzì e veshtì shas katholas thankaas jno a shas thangalas kaperiaas. Shu kuerru Tommeu Mashu jamadhemmo addej po jà gjità. Ai ji preshetadh apreshu e shpelaja kue kadh sha hyjnia krea. Jno shkoilazi po prazhì ank’i shpeli petziunà ka kadh rrezilu. Tammas eshte sherinu jaishent kishtidhas shas krompetas.
Falamindra !

Comune di Ujli con Thurcali
Attenzione
La visita per la grotta del Bue Marino dura mezzora e si va dal sentiero che porta alla spiaggia di Cala Luna. Per cortesia vestite scarpe chiuse e non calzate sandali aperti. La guida Signor Masu si trova là per voi. Vi aspetta presso l’entrata principale della grotta. Non recatevi da soli nella grotta per via del pericolo. Non ci sono visite la notte.
Grazie !|[/col]
Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

User avatar
Zeus10
Grand Fighter Member
Grand Fighter Member
Posts: 4190
Joined: Thu Jun 04, 2009 6:46 pm
Gender: Male
Location: CANADA
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#5

Post by Zeus10 » Sun Nov 28, 2010 8:14 pm

Giulio22 wrote:Ave Maria in lingua arvaresa
Ave Mari nd ie gohena arvaresha

Ave Mari mbusa e kareshti
Sher shantaa nter ià femerà
shantaa ie pumora e ie branza ta: Zesu

Shanta Mari nenna e Dja
Retza po nà makadherà
Tashi eshte ie shara e jana vatja

Amen Zes'i Zus.
Keto rreshta bartin informacione te jashtezakonshme, nese jane autentike. Ne jemi mesuar, qe ti ndajme fete e lashta, nga fete e reja, ne menyren me radikale, por ketu shohim, se ne gjuhen arvaresha(arbereshe, te atij komuniteti) i kendohet ne menyre te unifikuar, zotave te lashte dhe atyre moderne.
Ketu mesojme qe Shanta Maria, qe do te thote Santa Maria(Maria e Shenjte), na qenka nëna e dja-s,

Code: Select all

Shanta Mari nenna e Dja
qe mesa duket eshte Δίας(DIA) ose ndryshe Zeusi. Por ne dime, qe Maria eshte nena e Jezusit dhe jo Zeusit, a mos valle Zeus=Jezus?
Por nena e Zeusit, sipas mitologjise ka qene Ῥέα(Ria ose Rea), por le ta mbajme pak frymen dhe te shohim me kujdes:
Maria-----vs------Ῥέα
A nuk jane keto i njejti personazh, sepse ma-rea, fare mire mund te jete mama rea?!
Pastaj, kujt i drejtohet kjo:

Code: Select all

Amen Zes'i Zus 
Jezusit apo Zeusit?

Image

A mos eshte fjala IEZUS nje forme te lexuari e fjales Zeus?
The only thing necessary for the triumph of evil is for good men to do nothing

User avatar
Zeus10
Grand Fighter Member
Grand Fighter Member
Posts: 4190
Joined: Thu Jun 04, 2009 6:46 pm
Gender: Male
Location: CANADA
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#6

Post by Zeus10 » Sun Nov 28, 2010 8:45 pm

Ne e dime qe Zeus Amon apo Amen Ra ishte perendia egjyptiane e DIELLIT

Pastaj kemi kete shprehje ne arvarisht:

Code: Select all

Amen Zes'i Zus


Kemi tekstet e vjetra ""greke"" ku Zeusi identifikohet me diellin, kemi dhe shkrimet ne hebraisht per Jezusin, ku paraqitja grafike eshte e njejte me ate sipas te ciles """greket""" shkruanin per zotin e tyre Zeus:

Image
The only thing necessary for the triumph of evil is for good men to do nothing

land
Poster Grande Member
Poster Grande Member
Posts: 257
Joined: Wed Sep 30, 2009 4:30 pm
Gender: Male

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#7

Post by land » Sun Jan 02, 2011 1:16 pm

Arban_Blandi wrote:[col]Immigrazione dei tirreni in Sardegna e Toscana

Erodoto parla diffusamente dell'emigrazione dei tirreni dalla Tracia e dalla Frigia in Sardegna dapprima e in Toscana poi (VIII sec. d.C.). Ne parla nel capitolo I paragrafo 94. I frigi condividono la comune origine con i traci. In Tracia, In Dacia, in Frigia e in Illiria la lingua era strettamente connessa a quella illirica dalla quale ha tratto origine l'albanese. Gli etruschi e gli shardana nuragici condividono questa antica origine ecco perchè il protosardo ha radice illirica.|[/col]
Arban, me poshte eshte la stele di nora, alfabeti i perdorur dhe gjuha eshte fenikase. Ky eshte artifakti me antik i gjetur ne sardegna por dhe ne gjithe boten perendimore, do isha kurioz si mbeshtetet teza qe protosardo ka rrenje ilirike.
Pra fakte jo opinion.

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#8

Post by Arban Blandi » Thu Apr 07, 2011 9:51 pm

Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#9

Post by Arban Blandi » Thu Apr 07, 2011 9:59 pm

Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#10

Post by Arban Blandi » Sat Apr 09, 2011 6:14 pm

Stefano di Bisanzio, che maneggiò materiali di varia origine ed epoca, il quale è uno studioso fidato, riporta:
"Sardos, oos Parthos, polis Illyrias, oi politai Sardēnoi"
["Sardos, come Parthos, città dell'Illiria, i suoi cittadini [si chiamano] Sardenoi"]
(Stephani Byzantii "Ethnicorum quae supersunt", ed. Meineke I, 556);
che agli atti è l'etnico più vicino foneticamente a quello dei Shardana.
Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

land
Poster Grande Member
Poster Grande Member
Posts: 257
Joined: Wed Sep 30, 2009 4:30 pm
Gender: Male

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#11

Post by land » Sat Apr 09, 2011 7:28 pm

Ipotesi Illirica
Recentemente (2007) lo studioso Alberto Areddu sviluppando l'idea che il "popolo del mare" dei Shardana fosse di origine illirica, sulla base di diversi elementi lessicali- concordemente riconosciuti come appartenenti al sostrato- ha sostenuto che si debba parlare per la Sardegna antica e in particolare per le zone più conservative dell'isola: l'Ogliastra e la Barbagia, di un ramo particolare dell'indoeuropeo, che manifesta appunto forti corrispondenze formali e semantiche con le poche testimonianze dell'illirico (o del trace) e soprattutto con la loro odierna continuazione linguistica, l'albanese; le concordanze sono poi estese a diversi toponimi e microtoponimi di area centrale; ad esempio lo studioso fornisce le seguenti comparazioni[12]:
sardo:eni ‘albero del tasso’= albanese enjë ‘albero del tasso’
sardo:alase ‘agrifoglio, pungitopo, gramigna’ (in sardo: laruspinosu ’alloro spinoso’) =albanese halë ‘spina’ halëz ‘spina’
sardo: lothiu ‘fangoso’, topp: Lotzorai, Lothorgo, Loceri, Lotzeri = albanese lloç ‘fanghiglia’
sardo: dròb(b)alu ‘intestino dei suini’ = albanese drobolì ‘intestino’
sardo: urtzula ‘clematide’, top. Urtzulei = albanese hurdh ‘edera’
Lo studioso Salvatore (Bovore) Mele ha in procinto di pubblicazione una grammatica sardiana illirica.
"They are Nietzsche's over-men, these primitive Albanians — something between kings and tigers."
- Henry Noel Brailsford

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#12

Post by Arban Blandi » Fri Sep 16, 2011 4:30 am

[col]Credo Cattolico in lingua arvaresha, Adhibishapo

Adhibishapo nd unij petziparu Dija, Babai gijtepostemontyu, kriadhore è kelu meme è ì(e) troka, meme è gijtà shendà kije si sheyana meme unku si sheyana. Adhibishapo nd unijparu Tommeu, unijbatiu viz’è Dija, pariu è Babai par’è gijtà sekulà, Dija pej Dija, Dridhora pej Dridhora, bautiu, mos kriau, pej petzija shushtassja è Babai, po’ meshu è Ai gijtà shendà jashene shtetja kriaà, po’ nà purrà, meme po’ janu orruonju eshte pikau ank’i kelu, meme pò opora è i shpiridhu shantu eshte mpezau nd ì(e) branza è Virgijna Mari meme si eshte bautiu purru. Ai jaìdhi kyrkau nd i poshitu è Pontziu Pilau, vatidhi meme jaidhi vorrau. I è teri didhi eshte bavatjau, sikunde (i)à shkritjà, eshte akikau ank’i kelu, s’aperperinadha nd’ì(e) dadha è Babai. Meme è arre kadh’anka vinnj nd’i lumene po’ gijukiae è (i)à kije niallana, meme (i)à vatjaà meme i meriu su unk’kadhe ank’kae fundu. Babai meme Vizu eshte adheriu meme lumenau, meme ai kà(dhe) falau po’ meshu è (i)à profetà. Adhibishapo ì(e) Kezha, unij, shanta, apostulika, Meshaposi unij petziparu batiu po’ ndiosonju è (i)à makadhà kap’hopes i bavatinju è (i)à vatja, è ì(e) nialla è ì(e) bota kije kadh’anka vinnj. Amen Zus.|Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore Gesù Cristo unigenito figlio di Dio nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre. Per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno è resuscitato secondo le Scritture ed è salito al Cielo e siede alle destra del Padre e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre ed il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati e aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen.[/col]

«Si chiama "arvareshu" e prende il nome da "Arvarè" oggi Barbagia ed è stata parlata correntemente fino all'alto medioevo. E' una lingua oggi frammista alla struttura latina ma non per questo meno organizzata.. Se si togliessero le parole latine dal sardo quelle che rimangono sono per l'80% ??.. Il progenitore del sardo è in comune con l'albanese. Il sardo si latinizzò con la chiesa latina dopo la dipartita traumatica della chiesa greca "Cresia Arrega Sarda" e del suo clero nel 1054 (Scisma d'Oriente). La chiesa greca tutelò s'"arvareshu". Comunque s'arvareshu è una realtà viva del Centro Sardegna è viene citato per frasi o parole frammisto a parole latine. E' strutturato sia morfologicamente che semanticamente anche se fino ad ora non vi sono pubblicazioni ma non tarderanno. Gli ultimi che lo parlavano di più s' "arvareshu" erano soprattutto dei fabbri in Barbagia questo testimonia la grandezza della tradizione della metallurgia nuragica».

------
Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

User avatar
Zeus10
Grand Fighter Member
Grand Fighter Member
Posts: 4190
Joined: Thu Jun 04, 2009 6:46 pm
Gender: Male
Location: CANADA
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#13

Post by Zeus10 » Fri Sep 16, 2011 1:39 pm

Si chiama "arvareshu" e prende il nome da "Arvarè" oggi Barbagia
Pra emri yne arber, do te thote 'barbare', emri qe pershkruante gjithe popujt johelenike rrotull "Greqise", ku perfshiheshin epirotet, maqedonet, traket dhe iliret.
Por ama ishin "greket" ata qe huazuan prej "barbareve" gjithshka:

SOCRATES:

'Shall I tell you what I suspect to be the true explanation of this and several other words ?. My belief is that they are of foreign origin. For the Hellens, especially those who were under the dominion of the Barbarians, OFTEN BOROWED from them'

TATIAN
Oratio ad Graecos

Image
CHAPTER I.—THE GREEKS CLAIM, WITHOUT REASON, THE INVENTION OF THE ARTS.
BE not, O Greeks, so very hostilely disposed towards the Barbarians, nor look with ill will on their opinions. For which of your institutions has not been derived from the Barbarians? The most eminent of the Telmessians invented the art of divining by dreams; the Carians, that of prognosticating by the stars; the Phrygians and the most ancient Isaurians, augury by the flight of birds; the Cyprians, the art of inspecting victims. To the Babylonians you owe astronomy; to the Persians, magic; to the Egyptians, geometry; to the Phoenicians, instruction by alphabetic writing.
Cease, then, to miscall these imitations inventions of your own. Orpheus, again, taught you poetry and song; from him, too, you learned the mysteries. The Tuscans taught you the plastic art; from the annals of the Egyptians you learned to write history; you acquired the art of playing the flute from Marsyas and Olympus,—these two rustic Phrygians constructed the harmony of the shepherd’s pipe. The Tyrrhenians invented the trumpet; the Cyclopes, the smith’s art; and a woman who was formerly a queen of the Persians, as Hellanicus tells us, the method of joining together epistolary tablets: her name was Atossa. Wherefore lay aside this conceit, and be not ever boasting of your elegance of diction; for, while you applaud yourselves, your own people will of course side with you. But it becomes a man of sense to wait for the testimony of others, and it becomes men to be of one accord also in the pronunciation of their language. But, as matters stand, to you alone it has happened not to speak alike even in common intercourse; for the way of speaking among the Dorians is not the same as that of the inhabitants of Attica, nor do the Æolians speak like the Ionians. And, since such a discrepancy exists where it ought not to be, I am at a loss whom to call a Greek. And, what is strangest of all, you hold in honour expressions not of native growth, and by the intermixture
of barbaric words have made your language a medley. On this account we have renounced your wisdom, though I was once a great proficient in it; for, as the comic poet says,—
These are gleaners’ grapes and small talk,—
Twittering places of swallows, corrupters of art.
Yet those who eagerly pursue it shout lustily, and croak like so many ravens. You have, too, contrived the art of rhetoric to serve injustice and slander, selling the free power of your speech for hire, and often representing the same thing at one time as right, at another time as not good.
The poetic art, again, you employ to describe battles, and the amours of the gods, and the corruption of the soul.
The only thing necessary for the triumph of evil is for good men to do nothing

User avatar
Arban Blandi
Supreme Member
Supreme Member
Posts: 464
Joined: Sun Apr 25, 2010 12:11 am
Gender: Male
Location: Іllyria, Ukraine
Contact:

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#14

Post by Arban Blandi » Sun Nov 06, 2011 12:55 am

«arbeni-de-barbaricina..[?]» (Orgosolo)
Our Scribd Channel - History was a damn dim candle over a damn dark abyss.

erix77
Star Member
Star Member
Posts: 543
Joined: Sat Aug 14, 2010 8:23 am
Gender: Male
Location: Tirana

Re: Inno al sole illirico dei sardi in arvareshu..

#15

Post by erix77 » Sun Nov 06, 2011 7:48 am

purrà, purru - burra, burrë=Pyrro
Dhe e bëmë me besa besën ja të rrojmë ja të vdesëm!

Ishte thënë prej Zotit që të nderohen armët e Shqipërisë!

Post Reply

Return to “Forum della lingua Italiana”